FANDOM


Kurumin.png
Poco prima del rilascio ufficiale della versione 7 del noto sistema operativo Linux brasiliano, di cui ho pubblicato un report qualche settimana fa, eccomi a relazionare sulla versione Light del medesimo sistema.

A dire il vero non ci sono molte differenze dal sistema completo, ad eccezione del numero di programmi disponibili, che risulta ridotto, ma stando a quanto dichiarato dal team di sviluppo sarebbero mancati diversi drivers per le periferiche più sofisticate e manca del tutto il supporto alla grafica desktop 3D. Ciò non toglie che il sistema sia un ottimo sistema e che possa certo allietare i possessori di computer un pochino datati e che potranno comunque contare su KDE, quale DE, e su una montagna di software in grado di soddisfare le esigenze di un uso desktop.

Una volta inserito il disco nel lettore del mio portatile, Kurumin offre diverse opzioni al boot (disabilitare o meno i moduli ACPI, scegliere il framebuffer, la lingua, ecc.), ma è bastato cliccare sul tasto Invio per giungere, in capo a meno di due minuti, a visionare la scrivania del sistema e ad usare gli strumenti che Kurumin Light mette a disposizione. Naturalmente la lingua disponibile è il portoghese brasiliano che, per un utente italiano è sufficientemente comprensibile, ma è impossibile configurare KDE per la lingua inglese.

Il sistema ha riconosciuto e configurato tutte le periferiche del mio laptop (data la sua derivazione da Knoppix) quindi posso affermare che il supporto ai notebook è assicurato. Sorprendentemente anche nella versione Light è presente la possibilità di configurare il modem interno e questo fa di Kurumin l'unica distro che finora mi abbia dato questa possibilità insieme a Mepis 6.5.

Naturalmente non può mancare un occhiata alle dotazioni software e bisogna ammettere che rispetto alla versione madre, il software è in quantità limitata. C'è quasi tutto, dai programmi per ufficio (manca una suite vera e propria come Koffice od OpenOffice.org), al software per il multimedia, dai programmi di grafica (manca GIMP o Krita) ai programmi per la configurazione di rete. Sorprende la mancanza di FireFox, ma Konqueror lo sostituisce egregiamente. Insomma Kurumin Light è un ottimo sistema per computer e pretese di medio-basso livello. Non manca ovviamente la possibilità di installarlo su hard disk e la personalizzazione è quella tipica di KDE. Non mi resta che raccomandare Kurumin Light a chi voglia provare un caldo ambiente Linux brasiliano.

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale