FANDOM


Mint
Linux Mint è un progetto Linux giunto all'attenzione degli utenti Linux da alcuni mesi ed è un buon progetto, se non altro per il fatto di essere basata niente meno che su Ubuntu. Proprio per questo fatto mi sono detto "Ma cosa potrà mai avere di più?"

L'ho scaricata nella versione Light, l'ho masterizzata e l'ho provata e vi dico come è andata.

Nome e TipologiaModifica

Linux Mint 3.0 Light, nome in codice 'Cassandra', è una distribuzione Linux Live/Installabile orientata al desktop e derivata da Ubuntu. È la versione "leggera" di Linux Mint 3.0 ed è stata progettata per evitare possibili controversie in tema di software e codecs proprietari.
È una distribuzione adatta a processori i686 e pc con almeno 256 MB di RAM.

ProvaModifica

Il test è avvenuto in modalità Live, senza installazione, su un pc laptop BenQ 'JoyBook' R23E le cui caratteristiche sono ormai note ai miei lettori. Tutte le componenti del pc sono state adeguatamente e automaticamente riconosciute e configurate. Il sistema non stressa eccessivamente le dotazioni della macchina ospitante anche in seduta Live.

Tempi di avvio e OpzioniModifica

Una volta riavviato il pc con il CD di Linux Mint nel lettore, appare una schermata delle opzioni che consentono all'utente di scegliere se installare o avviare Linux Mint, se avviare il sistema in modalità grafica, se avviare il sistema alloggiato nell'hard disk.
Altre opzioni vengono fornite attraverso l'uso dei tasti funzione:

  • F1 Help per aiuti di vario genere all'avvio del sistema
  • F2 Languages per la scelta della lingua (Inglese, Spagnolo, Francese)
  • F3 Keymap per la scelta della tastiera (compresa quella italiana)
  • F4 VGA per la scelta della risoluzione dello schermo
  • F5 Accessibility per la scelta delle tecnologie assistive
  • F6 Other Options per la scelta di altre opzioni di avvio

Io mi sono limitato alla scelta della tastiera (mancando la lingua italiana) ed ho premuto il tasto 'Invio' per lanciare il sistema.
Il caricamento del sistema avviene in modalità grafica in classico stile Ubuntu, ma la parte finale dell'avvio viene mostrata a video in forma testuale.
L'avvio del gestore grafico permette di accedere alla boot splash di GNOME ed al desktop.
Il sistema si è caricato completamente entro i due minuti.

Ambiente grafico ed AspettoModifica

Linux Mint si avvale di GNOME 2.18 quale gestore del desktop. La pulizia e l'ordine che risiedono in questo sistema la potete vedere dalla immagine sottostante e in pochi sistemi si nota un aspetto così docile e "facile" da assumere.

Mint-light1

Lo sfondo della scrivania è rappresentato da una immagine veramente pacifica e rilassante, costituita da toni diversificati di verde pastello ben assortiti. La scritta posta in alto a destra indica chiaramente quello che Linux Mint vuole trasmettere: "From freedom came elegance" ed è vero. Mint Light è un sistema libero ed elegante.
Solo tre icone sono disposte sulla scrivania (Computer, mint's Home, Install) e diversamente dall'aspetto classico di GNOME, manca la taskbar classica. La barra delle applicazioni/dock si trova nella parte bassa dello schermo e da essa potremo accedere al menu principale, lanciare Tomboy (il notes) o cliccare sull'icona di accesso rapido al desktop. Sulla destra della barra si trova il monitor di rete, il finder, l'orologio e l'applet per la gestione del volume audio. Manca l'icona del cestino, ma è prevista la funzione di eliminazione diretta dei file escludendo il cestino.
Le decorazioni delle finestre sono sobrie, precise e pulite. Per quanto riguarda la personalizzazione del sistema, c'è un ampia scelta di temi, decorazioni, sfondi della scrivania e altro.
Il menu principale è assai diverso da quello a cui eravamo abituati con la versione precedente di GNOME e tutto è racchiuso in un pannello di facile comprensione e uso, come potete osservare nella immagine sottostante.

Mint-light2

Dotazioni softwareModifica

Linux Mint Light 3.0 è un sistema riccamente dotato di strumenti e software per l'impiego da parte di qualsiasi utente per qualsiasi necessità. Rispetto al progenitore fornisce software addizionale soprattutto a carico della gestione del desktop con Beryl preinstallato. Scarse dotazioni ci sono a riguardo della grafica dove è presente uno strumento molto potente e importante come GIMP, ma manca un gestore delle immagini.
Manca completamente il settore ludico ed è un vero peccato.
Nei rimanenti settori non manca nulla e fanno mostra di se alcuni strumenti di nuova introduzione come Pidgin che sostituisce Gaim. Evolution viene sostituito da Thunderbird ed è presente Beryl per il desktop 3D. A favore di questo importante strumento è presente anche Envy per l'installazione dei drivers per schede video ATI e Nvidia.
AmaroK sostituisce Rhythmbox per l'ascolto della musica e proprio usando questo strumento ho scoperto che, nonostante la missione di Mint Light sia quella di fornire un sistema senza codec proprietari, potevo ascoltare la musica in formato mp3!
Insomma LinuxMint Light 3.0 è un sistema pronto all'uso senza altre aggiunte; aggiunte che possono essere applicate comunque tramite il potentissimo gestore dei pacchetti Synaptic.

UsabilitàModifica

La presenza di GNOME quale desktop manager, fa di LinuxMint un sistema di grande usabilità e amichevolezza. Il menu principale potrebbe creare qualche difficoltà di ambientamento specie per utenti Linux abituati al vecchio GNOME-style.
Purtroppo il sistema non è localizzato per la lingua italiana, ma una volta installato e con Synaptic si possono scaricare i moduli per avere a disposizione un sistema italianizzato.
Il menu principale racchiude tutte le funzioni e i settori software necessari ad usare pienamente e facilmente l'intero sistema.
Le caratteristiche di usabilità si spingono al punto tale che usando LinuxMint in versione Live, è possibile recuperare dati da sistemi in avaria, saggiare la compatibilità hardware di computer da acquistare, mostrare ad amici e clienti la potenza di Linux ecc.
LinuxMint può facilmente essere installato su hard disk attraverso un pratico, amichevole installer grafico che gestisce in modo intuitivo il partizionamento del disco fisso.
Certo si sente un po' la mancanza di strumenti di gestione delle immagini, per l'importazione di immagini da fotocamera ed anche per l'uso di uno scanner, ma il sistema è decisamente "pronto".

PregiModifica

  • Usabilità
  • Pulizia e ordine
  • Ricchezza delle dotazioni
  • Compatibilità con i laptop

DifettiModifica

  • Menu principale da imparare e capire
  • Manca la localizzazione italiana
  • Mancano i giochi
  • Manca un gestore delle immagini

ConclusioniModifica

LinuxMint è un ottimo sistema, derivato da un sistema altrettanto ottimo (Ubuntu) e pronto per essere usato da qualsiasi utente sia in versione Live che una volta installato sull'hard disk.
Dato il suo facile uso anche senza installazione, è un sistema da scaricare e provare al più presto.

Collegamenti utiliModifica

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale