FANDOM


Suse

PremessaModifica

OpenSUSE 10.3 LiveCD è l'ultima nata nella grande famiglia di openSUSE ed è stata resa disponibile il 2 novembre 2007. Naturalmente non potevo evitare di farne un test e dopo avere scaricato la ISO ed avere masterizzato un CD, eccomi ad illustrare i contenuti di una delle distribuzioni più anziane dell'intero parco distro oggi disponibile. Vediamo.

Nome e TipologiaModifica

OpenSUSE 10.3 LiveCD è un sistema operativo Linux completo, liveCD/installabile, a 32bit, per architetture i386, in inglese solamente, orientato al desktop e dedicato ad ogni tipologia di utenza potendo soddisfare le esigenze di neofiti e di esperti Linux.

TestModifica

Il test, come solito, è avvenuto su un laptop BenQ R23E in seduta Live, senza installazione. Tutte le periferiche e l'hardware della macchina, sono stati adeguatamente riconosciuti e configurati. Non sono stati impostati valori e opzioni particolari per completare l'avvio e il caricamento del sistema.

  • Riconoscimento e caricamento del kernel = OK
  • Efficacia dei tasti funzione = OK
  • Avvio del server X = OK
  • Risoluzione video = OK
  • Opzione lingua italiana = OK
  • Opzione tastiera italiana = OK
  • Automount dei dispositivi = OK

N.B.: In un test in emulazione con Qemu, la risoluzione video è stata impostata predefinitamente a 800x600 px. L'uso del tasto funzione per la risoluzione ha corretto tutto (1024x768 px).

Opzioni e Tempi di caricamentoModifica

Dopo una schermata di benvenuto in diverse lingue, si accede ad una boot options screen dove è possibile scegliere se avviare il sistema, effettuare un test della RAM o avviare da hard disk.
La presenza di soli tre tasti funzione, completa le opzioni offerte.

  • F1 Help per la correzione di problemi noti e possibili
  • F2 Language per la scelta della lingua (tra cui l'italiano)
  • F3 Screen resolution per la scelta della risoluzione adeguata

Io mi sono limitato a scegliere la lingua italiana, mentre la risoluzione video era già correttamente impostata per le mie esigenze. Ho premuto il tasto Invio e il caricamento è iniziato.
Il caricamento del sistema è mostrato a video da una schermata grafica di colore verde tipico di openSUSE ed all'angolo inferiore destro viene mostrato il nome della distro e una barra dinamica avvisa dell'effettivo caricamento del sistema.
Dopo una breve schermata nera, indice dell'avvio del server X, si accede alla schermata di lancio di GNOME con una desueta splash di avvio.
Appena caricata la scrivania una finestra informativa indica le caratteristiche del sistema ed altre utili informazioni.
Dal momento dell'avvio del caricamento al completamento della scrivania sono trascorsi oltre 3 minuti e va quindi detto che openSUSE LiveCD è un sistema lento e che, rispetto a Ubuntu e Mandriva One, suoi diretti concorrenti, è almeno un passo indietro.

Ambiente grafico ed AspettoModifica

OpenSUSE 10.3 LiveCD è un sistema molto carino e dopo il ritorno ai colori classici della distribuzione, il verde smeraldo, si può dire che sia cromaticamente riposante.
Lo sfondo della scrivania è composto di varie sfumature di verde a varie tonalità belle ed eleganti sul quale si stagliano 5 icone (Linux's home, Aiuto in linea, Install, openSUSE, Trash).
Nella parte bassa si trova la barra delle applicazioni dove si trovano, partendo da sinistra, il pulsante di accesso al menu principale, l'icona di Tomboy, icona della batteria (per i laptop), applet di rete, controllo volume audio, orologio, accesso rapido alla scrivania.
Il gestore del desktop è GNOME in versione 2.20 ed è previsto il supporto ai window manager 3D.
Le finestre dei programmi sono sobriamente decorate di azzurro e si può dire che openSUSE è un sistema pulito e ordinato.

Opensuse3

Dotazioni softwareModifica

OpenSUSE 10.3 LiveCD è un sistema riccamente dotato, pronto per essere impiegato negli usi più comuni se escludiamo l'esigenza di giocare e di programmare. E' possibile disegnare, ritoccare foto, leggere PDF, scansionare documenti, navigare in internet, messaggiare, leggere mail, costruire pagine web, ascoltare musica, masterizzare, vedere film e gestire le configurazioni in modo estensivo e completo.
Usare openSUSE LiveCD risulta essere una esperienza molto soddisfacente per le necessità comuni e più desiderate.

Opensuse4

UsabilitàModifica

OpenSUSE Live è un sistema usabile se non altro per la presenza di GNOME, il desktop Environment che ha fatto dell'usabilità il suo credo. Già in fase di avvio l'assenza di troppe opzioni favorisce l'utente inesperto. Quindi anche l'assenza di login all'ingresso nella scrivania fa gli interessi dell'usabilità per un utente inesperto o distratto - che potrebbe non aver visto o capito che deve digitare un userID od una password come in altri sistemi Live.
Il d3esktop pulito, le poche icone chiare e ben definite, non affollano la vista e si può quindi accedere al menu principale e qui openSUSE mostra un difetto di costume. Il tasto di accesso al menu principale (applicazioni e strumenti di configurazione compresi) si chiama "computer" al posto di "Start" come molti utenti potrebbero aspettarsi. Si è assolutamente logico chiamarlo "computer", visto che da accesso ad ogni angolo del computer e del sistema, ma il (mal)costume vuole che iniziando a scoprire un sistema si "parta", quindi "Start"! Ma tant'è.
Il menu principale à un pochino complesso, ma usabile usando un po' di scaltrezza e logica.E' suddiviso in due aree principali :

  • Ricerca, Applicazioni, Documenti e Risorse
  • Sistema

Nella prima area si trova la stringa per effettuare ricerche nel sistema, molto utile e ben visibile. Poi ci sono i pulsanti per le applicazioni, per i Documenti e per le Risorse. Il primo pulsante indica le applicazioni preferite e quelle di uso recente, Il secondo indica i documenti preferiti e quelli più recenti. Il secondo indica le risorse del computer (Home, File System, Desktop, Rete ed altro).
Nella seconda area ci sono le utilità del sistema (Help, Centro di Controllo, Installazione software, Blocco dello schermo, Logout, Spegnimento) e la situazione del sistema relativa all'hard disk ed alla rete.
A proposito di Centro di Controllo occorre dire che rappresenta uno strumento magnifico, organizzato in modo perfetto e di una versatilità fantastica. Direi un esempio per tutti gli altri sistemi GNOME.
Insomma il menu principale pur essendo un pochino desueto per utenti abituati al vecchio stile GNOME, è invece una bellezza, utile e potente, che da all'utente il controllo sull'intera distribuzione.

PregiModifica

  • Installabilità
  • Solidità
  • Usabilità
  • Compatibilità hardware
  • Dotazioni
  • Centro di Controllo
  • Pulizia e ordine

DifettiModifica

  • Lentezza nel caricamento
  • Riavvio senza espulsione del CD dal lettore

Links utiliModifica

ConclusioniModifica

Lo sforzo fatto dai progettisti di openSUSE ha dato un frutto, tra i tanti di questa ultima versione, degno di grande rilevanza. Finalmente l'utente curioso di vedere come funziona una distro unica, può farlo senza rischiare nulla, ma con la possibilità di farne il proprio sistema senza dovere scaricare la versione apposita adatta alla installazione. E' una offerta difficile da perdere specialmente considerando che, da sempre, openSUSE è una distribuzione rispettata, ricercata e usata da migliaia, decine di migliaia di soddisfatti utenti.
La sua usabilità anche in versione live, consente all'utenza di qualunque genere di avere a che fare con una esperienza al computer pienamente soddisfacente. Finalmente openSUSE può competere ad armi pari con sistemi dal nome altisonante come Ubuntu, Mandriva, Fedora, trascurando il fatto che openSUSE è da sempre anni luce avanti a distribuzioni commerciali.
Benvenuta openSUSE 10.3 LiveCD e complimenti al team di sviluppo di questa bellissima distribuzione.

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale